Matera Capitale Europea della Cultura. Atlante delle Emozioni delle Città.

Nell’ambito del ricco programma culturale di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, emerge per la sua caratteristica di non convenzionalità “l’Atlante delle Emozioni delle Città”.

Il progetto, ideato dall’Associazione Teatro dei Sassi, propone una  visita delle città attraverso l’utilizzo  di una Mappa Emozionale realizzata raccogliendo le memorie e i racconti degli abitanti e, via via, degli stessi visitatori.

Atlante delle emozioni delle città” è un progetto culturale ,coprodotto insieme alla Fondazione Matera – Basilicata 2019 , individua Matera come città dove sperimentare per la prima volta questa  modalità di ascolto e valutazione del “sentiment” delle persone. Nell’era della disintermediazione e del digitale si tratta sicuramente di una modalità di contatto con le  persone veramente nuovo.

Come è stato impostato lo studio?

A Matera, più di 300 abitanti ( selezionati in tutte le fasce di età ed estrazione sociale) nei mesi scorsi hanno elaborato la propria “mappa emozionale”, segnando su una cartina della città, e raccontando a parole, i luoghi dove sono accaduti avvenimenti personali particolarmente significativi nella propria esistenza.

L’insieme di tutte le mappe, dopo un lavoro di selezione e trasformazione artistica, andrà a comporre una  Mappa emozionale definita ‘madre’. Questo primo capitolo dell’Atlante, denominato “La secretissima camera de lo core” sarà quindi un allestimento interattivo formato da memorie e da racconti.

I Sette dolori

“La secretissima camera de lo core” diventerà un luogo dove gli spettatori in visita potranno sperimentare questa nuova modalità di visitazione della città, più verticale e immersiva, grazie allo scambio con gli abitanti e ad un percorso narrativo e performativo.

Il direttore artistico dell’Associazione Teatro dei Sassi, Massimo Lanzetta ha dichiarato: “Si può cogliere la verità di un luogo solo intessendo una relazione con coloro che in diversi modi la vivono. I racconti segreti degli abitanti delle città sono la scintilla che illumina i luoghi. Con questa vivida luce intendiamo illuminare il terzo piano della Biblioteca Provinciale di Matera, dove allestiremo la Secretissima camera de lo core“.

Il progetto, in modalità differenti, proseguirà anche dopo il 2019 mantenendo la sua struttura basata su segreti, memorie e emozioni componendo una “realtà aumentata” della città, alla cui costruzione e ampliamento contribuiscono e attingono sia i visitatori che gli stessi abitanti.

Presentazione del progetto

Il direttore della Fondazione Matera Basilicata, il torinese Paolo Verri ha dichiarato: “Da sempre con Matera 2019 abbiamo impostato il racconto della città basato sulle persone. La sfida di Matera 2019  è far diventare ciascun abitante protagonista, senza pensare che ci sia bisogno obbligatoriamente di un’istituzione, o più generalmente delle risorse pubbliche, per migliorare la realtà. In questi anni, la Fondazione ha cercato di costruire questa rete di persone che, dopo il 2019, dovrà avere la capacità di lavorare insieme per rendere la Città autonoma. La scelta di questo progetto nasce perché mette in luce la capacità di raccontare le cose attraverso la soggettività, l’individuo, le emozioni creando una grande storia collettiva. Arricchire l’ambito locale attraverso la narrazione e non creare distanza tra gli abitanti culturali e gli abitanti temporali sono due valori straordinaria del progetto. Ringrazio il Teatro dei Sassi e i cittadini per il lavoro svolto. Apprezzo molto che l’Atlante delle emozioni delle città inizi il suo viaggio da Matera, ma l’Atlante può essere costruito in qualsiasi altra città perché, come sosteniamo noi di Matera 2019, gli archivi sono deposito di oro contante della nostra memoria che devono servire a ravvivare la nostra cultura.” 

La manager culturale dell’evento “Matera Capitale Europea della Cultura” Arianne Bieou sottolinea che questo progetto culturale, per il suo carattere innovativo e co-creativo ” rientra nel  cluster della Poetica della Vergogna. Nel caso di Matera 2019, la vergogna è un valore perchè oggi può essere bellezza, emozione, riscatto: è un tema fondamentale per il 2019 e per la nostra programmazione e, in questo contesto, l’Atlante delle emozioni delle città, per la sua durata e la sua forma, assume un ruolo importante. La caparbietà dell’Associazione Teatro dei Sassi nel creare una comunità, raccogliendo memorie, segreti, racconti è molto apprezzata da noi”.

Quando sarà possibile visitare la “Secretissima Camera de lo core”?

‘La secretissima camera de lo core’, che sarà visitabile da marzo a luglio 2019, sarà allestita presso la Biblioteca Provinciale di Matera grazie all’appoggio e accoglienza  da parte della Provincia di Matera, nella persona del Presidente De Giacomo e della consigliera alla cultura Anna Maria Amenta. I  dipendenti della struttura sono entusiasti e certamente collaboreranno con grande entusiasmo.

“La convenzione con il Teatro dei Sassi, associazione culturale storica della città, a cui è stata data la possibilità di usufruire, per la durata del progetto, di alcuni spazi al 3° piano della biblioteca, – ha evidenziato il presidente della Provincia di Matera, Francesco De Giacomo – è una buona pratica di collaborazione tra le istituzioni e il mondo associativo. Una  collaborazione che ha anche la forte valenza di avvicinare sempre più persone alla Biblioteca Stigliani attraverso i processi inclusivi e partecipativi che il Teatro dei Sassi sta già praticando e mediante la visita pubblica dell’istallazione prevista nel 2019 nei luoghi assegnati al terzo piano”. 

Che cosa c’entra Alessandro Baricco con Matera?

Atlante delle emozioni delle città ha attivato una collaborazione con la Scuola  Holden di Torino e, in particolare, con il suo fondatore, lo scrittore Alessandro Baricco , con l’artista visivo  Stefano Faravelli, la coreografa-danzatrice Heike Hennig di Lipsia e lo scenografo e artigiano della luce Paolo Baroni.

“La Scuola Holden prende parte al progetto inviando a Matera una squadra composta da quattro studenti diplomati i quali, per  tre settimane, rimarranno in costante contatto con la realtà cittadina e con la sensibilità dei suoi abitanti. Il loro compito sarà quello di  leggere, selezionare e organizzare i materiali dei mappatori raccolti dal Teatro dei Sassi.

Questo lavoro verra restituito  in una mostra che nel 2019 racconta la città di Matera nella forma di una grande mappa. Durante il processo di spoglio e di lettura delle mappe, la squadra della Scuola Holden individuerà alcuni nuclei narrativi forti che verranno quindi tradotti in quindici racconti, dopo aver letto i quali lo scrittore Alessandro Baricco narrerà la sua visione di Matera.

Ed è proprio a partire da queste storie  che, nel 2020, il Teatro dei Sassi costruisce un itinerario emotivo della città”.

Vi abbiamo incuriositi? L’anno della Cultura inaugurerà a Matera il 19 gennaio 2019. Affrettatevi a prendere un biglietto e un posto per dormire!

Emanuela Negro-Ferrero  www.innamoratidellacultura.it