Art Bonus, questo sconosciuto.

La Chiesa della Gran Madre di Dio a Torino
La Chiesa della Gran Madre di Dio a Torino

Se ne parla da quando è uscito. Ma sono pochissime le persone che ne sanno veramente qualcosa. L’Art Bonus è un sistema di incentivi fiscali in favore di enti, società e privati che in cambio di donazioni liberali in sostegno a cultura e spettacolo ottengono in cambio un credito d’imposta pari al 65% di quanto hanno erogato detraibili nell’arco di tre anni. Si tratta di una vera e propria innovazione per la cultura italiana tartassata da tagli e riduzioni continue operati da qualsiasi governo di qualsiasi colore politico sin dal secondo dopo guerra ad oggi. Uno scandalo se si pensa che il patrimonio artistico e architettonico del nostro paese è fra i più importanti e ricchi dell’intero pianeta.

Area di Verona
Area di Verona

Come funziona l’Art Bonus?
Esiste un elenco ben preciso di beni che possono beneficiare del credito di imposta. L’elenco è pubblicato sul sito http://artbonus.gov.it/ nell’apposita sezione. Qualche esempio? A Torino abbiamo la chiesa della Gran Madre di Dio, Villa della regina, il Teatro Regio. A Saluzzo il museo di Casa Cavassa, a Prato il Palazzo della Musica. A Roma un progetto di restauro di 4 fontane, a Bassano del Grappa il famoso “Ponte degli Alpini”. La lista è lunga e si riferisce a specifici interventi, non al bene complessivo. Le azioni di restauro e conservazione devono infatti riguardare la manutenzione, la protezione e il restauro di beni culturali pubblici ; il sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica, come i musei e le fondazioni lirico-sinfoniche e i teatri di tradizione; la realizzazione di nuove strutture, il restauro e il potenziamento di quelle esistenti, di enti o istituzioni pubbliche che svolgono esclusivamente attività nello spettacolo senza scopo di lucro.
Le donazioni sono riferite comunque agli anni di imposta 2014, 2015 e 2016. Una volta effettuata la donazione, bisogna mettersi in contatto con il beneficiario per concordare i dettagli dell’erogazione e ottenere le necessarie ricevute da inserire nella propria dichiarazione.

Basilicata_Matera2_tango7174
Come si fa a donare?
Le regole sono definite dall’Agenzia delle Entrate.Niente contanti, perché non sono tracciabili. I versamenti devono avvenire esclusivamente attraverso le banche , la posta e con strumenti ufficiali come le carte di credito e gli assegni bancari e circolari. Per diventare mecenate, bisogna selezionare il bene culturale l’attività di sostegno o la struttura pubblica di spettacolo che si vuole sostenere con la propria donazione, in coerenza con quanto previsto della legge che regola L’Art bonus. Successivamente è necessario contattare il beneficiario per concordare i dettagli dell’erogazione.

Fontane_di_roma
Quanto si può detrarre e in quanto tempo?
La legge di stabilità 2016 ha confermato che lo sgravio riguarda il 65% della donazione da ripartire in tre quote annuali di pari importo. Per le persone fisiche e gli enti che non svolgono attività commerciale il credito d’imposta è riconosciuto nel limite del 15% del reddito imponibile, mentre per i soggetti titolari di reddito d’impresa (società e ditte individuali) ed enti non commerciali che esercitano anche attività commerciale il credito d’imposta è invece riconosciuto nel limite del 5 per mille dei ricavi annui.

jazz festival 3
L’Art Bonus funziona?
IL Ministro Franceschini ha pubblicato un dato molto interessante lo scorso ottobre. Con Art Bonus il Ministero dei Beni Culturali ha incassato 34 milioni di euro da 790 mecenati. Una cifra pari a quanto la Regione Piemonte destina alla cultura. Enti, imprese e privati cittadini hanno assicurato 272 interventi sul patrimonio artistico, culturale e monumentale del paese. “L’Art Bonus è andato bene per le piccole e medie donazioni – sottolinea – ma a parte un solo caso, quello di Unicredit che ha offerto 14 milioni in tre anni per l’Arena di Verona, non c’è stata ressa di grandi aziende italiane. Vorrei che come in altri Paesi, la valutazione sull’impatto sociale delle imprese fosse misurato anche in base a quanto donano per il recupero del nostro patrimonio. Per introdurre la cultura del mecenatismo nel nostro Paese serve tempo”. Secondo i dati presentati dal Mibac, i moderni mecenate sono stati prevalentemente persone fisiche (il 73%), seguite dalle imprese (20%) e dagli enti (6%). Le persone fisiche hanno donato in media 1.670 euro, le imprese 167.290 euro e gli enti 132.152 euro.
L’intervento più importante è stato quello sostenuto con 7 milioni di euro da Unicredit per l’Arena di Verona A Firenze, invece, in lista ci sono la basilica della Santissima Annunziata e alcune sale degli Uffizi, riallestite grazie alla donazione di 600 mila euro da parte Gruppo Ferragamo.
Il vademecum del novello mecenate
Agevolazioni fiscali
Per questi versamenti compete un credito d’imposta pari al 65% delle erogazioni liberali effettuate nel 2015 e al 50% di quelle effettuate nel 2016 usufruibile in tre quote annuali di pari importo.
Limiti e obblighi
Per le persone fisiche e gli enti non commerciali il credito d’imposta lorda è pari al 15% del reddito imponibile. Per i titolari di reddito d’impresa non può superare il 5 per mille dei ricavi annui.
Secondo quanto previsto all’art. 1 comma 5 del citato D.L. 83/2014, i soggetti beneficiari di erogazioni liberali sono tenuti a comunicare al MIBACT e a pubblicare sul proprio sito web istituzionale la loro destinazione e il loro utilizzo, fatte salve le disposizioni del Codice in materia di protezione dei dati personali.
Esempi
Contributo 2015: 1.000 euro
Detrazione fiscale/credito d’imposta 65%: 650 euro
Recuperati nel 2016/2017/2018 in tre quote di pari importo: 216,66 euro
Contributo 2016: 1.000 euro
Detrazione fiscale/credito d’imposta 50%: 500 euro
Recuperati nel 2017/2018/2019 in tre quote di pari importo: 166,66

Emanuela Negro Ferrero – enf@innamoratidellacultura.it