Crowdfunding Lesson n°16 – Costruire una campagna di email marketing è fondamentale per avere successo.

email-marketing-tips

Quando si tratta di promuovere la propria campagna di crowdfunding è indispensabile sedersi e progettare con calma un piano di comunicazione strategico suddiviso in azioni da compiere giorno per giorno. Le azioni da pensare sono tante, differenziate su canali diversi e realizzate con strumenti differenti. Uno di questi è senza dubbio l’e-mail. Non mi stancherò mai di dire che il successo di una campagna di crowdfunding viene raggiunto con grande facilità quando il progettista può contare su una rete di relazioni. In gergo queste relazioni vengono chiamate “crowd” cioè folla. Le relazioni sono la linfa vitale di una campagna di crowdfunding. Sono la base da cui parte la diffusione della notizia e gran parte del finanziamento. Il crowdfunding destinato a progetti in ambito culturale presenta caratteristiche diverse rispetto a quanto accade per raccolte fondi dedicate a progetti tecnologici, vendita di servizi, app o startup.

Sul portale abbiamo avuto campagne per progetti meravigliosi che non sono riusciti ad arrivare all’obiettivo non perché il progetto mancasse di valore, anzi, ma perché il prgettista non poteva contare sull’appoggio di una rete di contatti o, ancora, non sapeva come fare per contattarli e coinvolgerli.
Cercherò di essere il più possibile chiara illustrando quello che per chi si occupa di comunicazione è il pane quotidiano. Come si imposta una campagna di e-mail marketing? Ci sono regole precise.
seed_capital_startup email-marketing-diagram

1 – elenco dei contatti – Un database ricco e completo lo si può avere perché costruito in anni di attività. Lo si può acquistare. Esistono in vendita elenchi di nominativi profilati pronti ad essere utilizzati e in regola con le normative sulla privacy. Possono essere raccolti con metodi semplici e divertenti utilizzando i canali social. Mi vengono in mente concorsi, questionari, contenuti speciali.

2 – un programma per l’invio in automatico delle mail – l mio preferito è Mail Chimp. Ma esiste anche Mail Up. Si tratta di programmi dedicati alla gestione delle mail gratuiti sino a 20.000 indirizzi e a pagamento per quantitativi superiori, Funzionano molto bene e consentono di realizzare anche la parte grafica delle mail grazie a template già pronti e che possono essere riempiti con grande semplicità con immagini e testi. Caricare gli indirizzi è molto semplice . L’invio delle mail avviene in automatico e, questo mi piace molto, il programma offre un report dettagliato dell’invio rendendo così semplice capire chi è un nostro fan e chi no.

3 – il contenuto – Scrivere bene è un mestiere. Le persone non amano leggere e purtroppo sono bombardate da messaggi di ogni genere. Inviare una mail con una richiesta di denaro significa pensare bene a ciò che si deve scrivere. Testo e immagini sono fondamentali. Il tono deve essere convincente e leggero. I messaggi strappacuore, disperati, minacciosi, noiosi lasciamoli pure stare. La mia parola d’ordine dopo 25 anni di copywriting è “incuriosire”. Raccontare una storia, ecco la chiave. Infine, definire con chiarezza quale è l’obiettivo che vogliamo raggiungere con la nostra comunicazione. Poche parole scritte bene.

4 – La cadenza – Una mail al giorno leva il donatore di torno. Negli Stati Uniti è la norma. Se ti iscrivi a un sito puoi star certo che dal quel momento in poi verrai perseguitato da mail continue e insistenti. Gli americani hanno un rapporto molto chiaro con il denaro. Noi italiani no. Bene quindi definire una pausa fra un invio e d un altro. Inserire titoli interessanti e la parola “grazie”.

5 –La fine della campagna- Quando la campagna è finita la mail di chiusura è un obbligo. Un bel grazie a tutti quanti ci rivediamo alla festa di consegna delle ricompense. Questo per me è la base per una campagna di e-mail marketing efficace. Volete saperne di più? Inviate una mail a progetti@innamoratidellacultura.it e prenotate le vostre ore di consulenza via skype. il migliore investimento per costruire una campagna di successo.

Emanuela Negro-Ferrero – enf@innamoratidellacultura.it Twitter emanegroferrero