Vademecum

Cos’è il crowdfunding?

Il crowdfunding è un sistema nuovo perché consente a un individuo, azienda, ente di lanciare una campagna di raccolta fondi sul web con lo scopo di finanziare le proprie idee e progetti dal basso grazie al  contributo diffuso di un gran numero di persone contattate attraverso la Rete.

E’  anche uno strumento vecchio, perché la raccolta di fondi dal basso definito “colletta” è sempre esistito. Grazie al crowdfunding, artisti, associazioni, enti, aziende e organizzazioni possono raccogliere capitali per realizzare un progetto dal basso senza ricorrere a finanziamenti esterni. Allo stesso tempo il progetto può godere di  notevole visibilità e   partecipazione attiva da parte della comunità di appassionati e sostenitori che si viene a raccogliere attorno alla campagna. I contributi dei sostenitori sono di fatto donazioni che i Creatori della campagna si impegnano a riconoscere dando in cambio una ricompensa definita in base al valore della donazione stessa. Il Creatore si impegna anche a realizzare il progetto per cui ha chiesto i fondi e  assume giuridicamente responsabilità. Nei confronti dei donatori.

Vademecum

  • Informazioni per il creatore

    • Quali progetti possono essere pubblicati su Innamorati della Cultura?

      La nostra piattaforma accetta progetti proposti da Creatori italiani in ambito arte, spettacolo e restauro. Chiunque può partecipare purché abbia compiuto la maggiore età.

    • Quanto costa pubblicare una campagna di crowdfunding su Innamorati della Cultura?

      Caricare il proprio progetto e lanciare una campagna attraverso la piattaforma di Innamorati della Cultura è gratis. La piattaforma trattiene una commissione a seconda del tipo di raccolta selezionata esclusivamente sui fondi che sono stati realmente raccolti ed accreditati all’autore della campagna.

    • Che cosa succede se l’obiettivo economico di una campagna viene superato?

      Non ci sono limiti alla quantità di fondi che una campagna può raccogliere. Se l’obiettivo viene superato la raccolta delle donazioni continuerà sino al termine della campagna.

    • Qual è la cifra massima che si può determinare come obiettivo della campagna?

      Non esiste un limite massimo che si può raccogliere attraverso una campagna di crowdfunding ma è comunque necessario e consigliato eseguire valutazioni attente e realistiche.

      Quando l’obiettivo è troppo elevato gli utenti possono scoraggiarsi e questo può determinare il fallimento della campagna. Meglio limitare la cifra o progettare campagne a step: se arrivo a 5.000 euro realizzo A, se arrivo a 6.000 euro realizzo B ecc.

    • A quanto ammontano i costi della transazione trattenuti da PayPal?

      La commissione di servizio trattenuta da PayPal (di circa 3,0% + 0,35 cent.) varia in base al volume di donazioni ricevute dalla campagna e specificato nella tabella all’indirizzo web: www.paypal.com/it/cgi-bin/webscr?cmd=_display-receiving-fees-outside.

    • Come si determina l’obiettivo economico da richiedere?

      I progetti sono tutti diversi uno dall’altro. In tutti i casi, il Creatore deve definire con attenzione le spese necessarie per realizzare il suo progetto, calcolare il costo delle ricompense comprensivo delle spese di spedizione, dedurre le provvigioni della piattaforma, del processore di pagamento e della comunicazione realizzata per diffondere la campagna stessa. Una buona stima può partire dal fatto che, solitamente le campagne che hanno successo, arrivano a raccogliere il 30% della cifra richiesta dalla cerchia di amici e sostenitori abituali innescando un meccanismo di diffusione e condivisione spontanea che dovrebbe consentire di raggiungere e superare l’obiettivo.

    • Ci sono delle campagne che sono vietate su Innamorati della?

      La piattaforma pubblica progetti italiani in ambito arte, spettacolo e restauro e non consente la pubblicazione di progetti mirati alla promozione e finanziamento di attività illecite oppure che offrono ricompense in denaro. Sono vietate tutte le campagne che promuovono o finanziano iniziative e progetti inclusi nell’elenco degli oggetti vietati presente nelle Linee Guida. 

    • Chi può lanciare una campagna di crowdfunding?

      Qualsiasi cittadino italiano maggiorenne, ente pubblico e privato, azienda, fondazione e associazione di qualsiasi tipo (anche ONLUS, le cui donazioni godono di un regime particolare) che sia iscritto sulla piattaforma di Innamorati della Cultura e sia in possesso di un account PayPal verificato (di tipo Premium o Business) per la gestione dei flussi finanziari legati al progetto.

      Un ente pubblico può lanciare una campagna di crowdfunding su Innamorati della Cultura? Si, gli enti che vogliono usare il crowdfunding per finanziare opere di pubblico interesse possono iscriversi a Innamorati della Cultura e lanciare una campagna seguendo la normale procedura, indicando le informazioni e un account PayPal verificato – di tipo Premium o Business – intestato all’ente stesso.

    • Perché è vantaggioso lanciare una campagna di crowdfunding?

      Il crowdfunding è lo strumento ideale per sostenere economicamente e in modo democratico, trasparente tutte le iniziative che hanno necessità di fondi per essere realizzate.

    • Chi è il Creatore di una campagna di crowdfunding pubblicata su Innamorati della Cultura?’

      Il Creatore è colui che crea, lancia e gestisce una campagna di crowdfunding. Può avere intorno a sé un team di collaboratori che lo aiutano a realizzare il suo obiettivo. Il Creatore è responsabile giuridicamente per l’utilizzo dei fondi che vanno destinati esclusivamente alla realizzazione del progetto pubblicato. Il Creatore si occupa dell’invio delle ricompense entro i limiti stabiliti durante la campagna.

    • Esattamente qual è il ruolo della piattaforma Innamorati della Cultura fra Creatore e donatore?

      Innamorati della Cultura mette a disposizione dei Creatori di progetto e dei donatori gli strumenti per gestire in modo trasparente, semplice e automatizzato la propria campagna di crowdfunding. La piattaforma è una vetrina attraverso la quale tutti progetti  possono raggiungere il pubblico della Rete e farsi conoscere. Innamorati della Cultura in ogni caso non è responsabile per il successo delle  iniziative presentate, per la loro realizzazione o per le donazioni, che avvengono direttamente tra il donatore e il Creatore della campagna senza intermediazione da parte di Innamorati della Cultura.

    • Lanciare una campagna di crowdfunding può avere dei rischi?

      Quando si decide di lanciare una campagna di crowdfunding è indispensabile valutare bene tutti gli aspetti del progetto. Una cattiva gestione della campagna ( per esempio limitarsi a pubblicare la propria campagna senza occuparsene, pubblicare il progetto su più piattaforme contemporaneamente) può avere ripercussioni negative  come pregiudicare la reputazione dell’autore e offuscare la credibilità del progetto stesso inficiando le esperienze future.

    • Cos’è una “donazione” su Innamorati della Cultura?

      La cifra che viene donata  dal sostenitore della campagna è definita “donazione” è un contributo economico volontario.

    • Che tipo di procedura bisogna seguire per lanciare una campagna di crowdfunding su Innamorati della Cultura?

      Per iscrivere il proprio progetto alla piattaforma Innamorati della Cultura è necessario iscriversi. L’iscrizione è gratuita. E’ necessario avere un account Paypal verificato (Business o Premium) su cui ricevere le donazioni per il proprio progetto. Quindi ti basterà cliccare sul tasto “Proponi un’idea” posizionato  in alto a sinstra in ogni pagina del sito di Innamorati della Cultura. E’ sufficiente compilare i campi che si presentano inserendo tutte le informazioni che vengono richieste. Mano a mano che si procede con il caricamento dei dati potrai salvare una “bozza” e tale rimarrà sino a quando tutti gli aspetti del tuo progetto non ti saranno chiari. Finito il caricamento del progetto dovrai cliccare il bottone “invia campagna”. La tua proposta sarà inviata alla redazione di Innamorati della Cultura e resterà in sospeso fino a che tutti i dati non saranno verificati e approvati dal team di Innamorati della Cultura. Questo passaggio della procedura prevede che il team verifichi la fattibilità del progetto e che le Linee Guida siano rispettate riservandosi di chiedere al creatore modifiche o integrazioni.

    • Innamorati della Cultura che cosa mette a disposizione del Creatore del progetto?

      La piattaforma mette a disposizione del Creatore del progetto uno spazio creato appositamente per essere intuitivo, semplice ed efficace da usare.  Oltre allo spazio per la pubblicazione, il Creatore ha a disposizione un micro-blog personale in cui è possibile inserire gli aggiornamenti della campagna.

      Innamorati della Cultura offre anche un servizio di “fatturazione” automatica che invia una ricevuta ai donatori della campagna, mentre una ricevuta per la commissione del servizio all’autore, viene inviata a fine campagna.

      Innamorati della Cultura gestisce l’elenco dei nominativi dei donatori, si occupa delle transazioni e della richiesta delle ricompense per ciascun progetto fornendo al Creatore  un resoconto dettagliato al termine della campagna.

      Innamorati della Cultura offre il contributo del proprio ufficio stampa e della propria redazione social media manager al fine di diffondere le campagne di crowdfunding attraverso i social network, la stampa e il proprio circuito pubblicitario.

      Su richiesta il Creatore può richiedere servizi specifici a pagamento di comunicazione e ufficio stampa dedicato e personalizzato.

    • Chi pubblica una campagna su Innamorati della Cultura riceve assistenza?

      Quando la campagna viene caricata sulla piattaforma, il team di Innamorati della Cultura offre una consulenza gratuita al Creatore per le varie fasi di lancio della campagna di crowdfunding. Infatti il team di “Innamorati della Cultura” ne verifica contenuti,  fattibilità e se è il caso suggerisce modifiche e integrazioni per una presentazione più efficace.

    • Che tipo di controllo esercita Innamorati della Cultura sulle campagne pubblicate?

      Innamorati della Cultura valuta se la campagna di crowdfunding è fattibile e in linea con le Linee Guida e decide in maniera insindacabile se pubblicarla oppure no così come può decidere di sospenderla se la campagna è gestita in maniera scorretta.

    • Innamorati della Cultura può interrompere o sospendere una campagna?

      Sì, Innamorati della Cultura ha la facoltà di sospendere una campagna nel momento in cui verifichi comportamenti scorretti da parte degli autori, inclusa una cattiva gestione della campagna, atteggiamenti offensivi nei confronti di utenti e sostenitori o la violazione delle Linee Guida.

    • Che cosa succede se la campagana viene rifiutata?

      Il Creatore di progetto che vede rifiutare la propria campagna di crowdfunding può modificare la sua proposta e reinviarla nuovamente per approvazione, verificando che il progetto sia conforme alle Linee Guida.

    • Quali sono i tempi di pubblicazione di una campagna?

      Il progetto viene preso in carico immediatamente dal team di piattaforma una volta che viene inviato per l’approvazione e il Creatore viene contattato. Se la presentazione della campagna è in regola con le Linee  Guida della piattaforma, la campagna può essere lanciata anche nel giro di pochi giorni.

      In alcuni casi il team può suggerire delle modifiche o delle integrazioni per rendere più efficace e coinvolgente la campagna e in questo caso il tempo di pubblicazione si allunga sino a quando la campagna non risulta a posto per la pubblicazione.

    • Come funzionano i diversi tipi di raccolta?

      Chi pubblica la sua campagna di crowdfunding sulla piattaforma può scegliere fra due diverse modalità di raccolta del denaro:

      • Tutto o niente: le donazioni vengono restituite se non viene raggiunto o superato l’obiettivo della campagna in un massimo di 90 giorni. Questo tipo di campagna è adatto a progetti che hanno bisogno almeno della cifra indicata per  poter essere realizzati.
      • Flessibile: tutte le donazioni  raccolte entro il termine o un massimo di 90 giorni vengono accreditate anche se l’obiettivo della campagna non viene raggiunto. Questo tipo di raccolta è adatta a progetti che possono essere realizzati anche se non viene raccolto l’intero importo
    • Come funziona il crowdfunding "Tutto o niente"?

      Per tutta la durata della campagna di raccolta fondi effettuata con il metodo “Tutto o niente” il pagamento di ogni donazione viene autorizzato sulla carta del donatore ma la transazione che accredita sul conto PayPal del Creatore la cifra donata viene effettuata solo nel caso in cui l’obiettivo economico sia stato raggiunto o superato. In quel momento “Innamorati della Cultura” trattiene la sua commissione. Nel caso in cui l’obiettivo non venga raggiunto, l’autorizzazione al pagamento viene annullata e le donazioni restano sul conto dei sostenitori senza che la piattaforma trattenga alcuna commissione.

    • Quali sono i costi di una campagna con sistema "Tutto o niente"?

      Se la campagna di crowdfunding raggiunge l’obiettivo economico prefissato e tutte le donazioni vengono accreditate al Creatore del progetto, “Innamorati della Cultura” trattiene il 7% sul totale  delle donazioni versate.

    • Quanto dura una campagna con il sistema "Tutto o niente"?

      Il Creatore può stabilire la durata della sua campagna “Tutto o niente” da un minimo di 30 gg ad un massimo di 90 giorni.

    • Che valore ha l’obiettivo economico in una campagna “Tutto o niente”?

      Le campagne di raccolta realizzate con il meccanismo “Tutto o niente” richiedono l’obbligo di raggiungere l’obiettivo economico minimo. Questa cifra rappresenta un importante elemento per incentivare gli utenti a partecipare e serve a preservare il principio di trasparenza su cui si fonda ogni operazione di crowdfunding.

    • Come avviene la gestione fiscale e contabile delle donazioni in una campagna “Tutto o niente”?

      Nel caso in cui una campagna “Tutto o niente” vada a buon fine, tutte le donazioni effettuate vengono accreditate al Creatore e ai suoi sostenitori viene inviata una ricevuta di pagamento via e- mail da parte di PayPal. Appena avviene l’accredito, “Innamorati della Cultura” trattiene il 7% delle donazioni come commissione per il servizio offerto e invia la relativa fattura in PDF all’autore della campagna.

    • Quali obblighi ha il Creatore di una campagna “Tutto o niente”?

      Il Creatore di una campagna “Tutto o niente” si assume la responsabilità di utilizzare i fondi raccolti per realizzare gli obiettivi presentati nella campagna e, se la sua campagna raggiunge l’obiettivo prefissato, è responsabile per l’invio delle ricompense ai donatori entro la data di spedizione prevista.

    • Quali diritti per gli utenti che donano per una campagna “Tutto o niente”?

      I sostenitori di una campagna con il meccanismo “Tutto o niente” hanno diritto ad essere sempre aggiornati sull’andamento della campagna e di  ricevere a fine campagna l’eventuale ricompensa selezionata al momento della donazione. Inoltre, nel caso la campagna non vada a buon fine, la promessa di donazione non sarà raccolta.

    • È possibile annullare una donazione in una campagna con metodo “Tutto o niente”?

      I sostenitori di una campagna “Tutto o niente” possono annullare la donazione entro e non oltre la data di scadenza della campagna accedendo al proprio conto PayPal e annullando la donazione in sospeso nella scheda dei Pagamenti pre-approvati.

    • Come funziona la campagna di crowdfunding con modalità “Flessibile”?

      Tutte le donazioni effettuate con una campagna “Flessibile”, superato il 10% dell’importo totale della campagna,  vengono accreditate istantaneamente sul conto del Creatore. Nello stesso momento “Innamorati della Cultura” trattiene la sua commissione del 10%.  Al termine della campagna, superato il 10% dell’importo richiesto,  anche se l’obiettivo economico non è stato raggiunto, i contributi economici restano  al Creatore  che si impegna a realizzare il progetto, o una sua parte, e a inviare le ricompense richieste.

    • Quali sono i costi di una campagna con il metodo “Flessibile”?

      Nel momento in cui ciascuna donazione viene effettuata, “Innamorati della Cultura” trattiene il 10% dell’importo, indipendentemente dal raggiungimento dell’obiettivo economico al termine della campagna.

    • Quanto dura una campagna “Flessibile”?

      La durata della campagna “Flessibile” viene stabilita dal Creatore al momento  della creazione e può andare da un minimo di 30 giorni a un massimo di 90 giorni. La durata di 90 gg viene decisa insieme allo staff di Innamorati della Cultura per progetti di importo elevato o suddivisi nel tempo con un progetto di raccolta a scalare.

    • Che valore ha l’obiettivo economico in una campagna con il sistema “Flessibile”?

      Per essere realizzate, le campagne “Flessibile”  sono obbligate a raggiungere l’obiettivo economico minimo del 10%.

    • Come avviene la gestione fiscale e contabile delle donazioni in una campagna “Flessibile”?

      Superato il 10% dell’importo totale della campagna, tutte le donazioni vengono accreditate istantaneamente sul conto del Creatore della campagna. Al momento del pagamento, ai donatori  viene inviata via e-mail  una ricevuta da parte di PayPal mentre all’autore viene inviata a fine campagna la fattura in PDF relativa alla commissione trattenuta da Idc per il servizio offerto.

    • Quali diritti ha un utente che dona in una campagna “Flessibile”?

      I donatori hanno il diritto ad essere sempre aggiornati sull’andamento della campagna e a ricevere l’eventuale ricompensa selezionata al momento della donazione.

    • Il Creatore di una campagna con il metodo “Flessibile”?

      Il Creatore di una campagna “Flessibile” è responsabile dell’idea che propone, dell’utilizzo dei fondi raccolti esclusivamente per realizzare gli obiettivi della campagna, della realizzazione del progetto e dell’invio delle ricompense ai donatori entro la data di spedizione prevista.

      È possibile annullare una donazione in una campagna “Flessibile”?

      No I fondi vengono accreditati contestualmente alla donazione che non può quindi essere annullata.

    • Qual’è la differenza fra una campagna “fai da te” e una campagna “gestita”?

      La maggior parte dei creatori adora pianificare e portare avanti da sè. la propria campagna di crowdfunding . La percentuale  che la piattaforma chiede per i servizi di comunicazione e gestione delle transazioni  è bassa e il creatore può decidere di investire  il suo denaro in attività di promozione del progetto. Tutti sanno che una campagna di crowdfunding ha dei costi e prende tempo ed energia. Alcuni Creatori non hanno tempo o più semplicemente preferiscono avere il nostro supporto professionale. Fra i diversi servizi ,offriamo copertura completa di ufficio stampa, social media management, storytelling e l’affiancamento di un crowdfunding manager esparto che produrrà per voi il piano editoriale, un video pitch da sballo, titoli accattivanti e testi convincenti e, fondamentale, vi metterà in contatto con le aziende che possono sponsorizzare il vostro progetto mentre voi siete occupati a crearlo.Contattaci per maggiori informazioni.

    To Top
  • Fundraising

    To Top
  • Come si crea una campagna di crowdfunding.

    • Ci sono dei requisiti per lanciare una campagna di crowdfunding?

      Il Creatore di una campagna può essere un cittadino italiano maggiorenne, un’azienda, un Ente pubblico, una Fondazione o un’Associazione di qualsiasi tipo; deve essere registrato sulla piattaforma di “Innamorati della Cultura”, possedere un account PayPal verificato, di tipo Premium o Business.

    • Dove vengono accreditate le donazioni ricevute dal Creatore della campagna?

      Tutte le donazioni che il Creatore della campagna riceve vengono accreditate sul conto PayPal, che in qualsiasi momento può prelevare gli importi desiderati e trasferirli sul proprio  conto corrente bancario.

    • Per lanciare una campagna è necessario avere una partita IVA?

      No. Chi non possiede una partita iva  può inserire il proprio codice fiscale.

    • Esiste un elenco dei materiali da presentare per lanciare una campagna su “Innamorati della Cultura”?Esiste un elenco dei materiali da presentare per lanciare una campagna su “Innamorati della Cultura”?

      “Innamorati della Cultura” richiede che venga rispettato il seguente format: video di presentazione, un’immagine della campagna, titolo, breve descrizione (700 – 800 battute), descrizione approfondita, obiettivo economico, modalità di raccolta, descrizione del team di progetto, shopping list del progetto, elenco delle ricompense e data di spedizione.

      Il Vademecum di “innamorati della Cultura”. illustra i dettagli e offre suggerimenti preziosi su come preparare ognuno di questi contenuti nella maniera più efficace.

    • Perché un titolo? A che cosa serve?

      Il titolo è il primo elemento identificativo della campagna e la illustra nella sua essenza con un massimo di 90 caratteri.

    • Cosa è il sottotitolo? Qual è la sua funzione?

      Il sottotitolo è una breve descrizione, lunga circa 700 – 800 caratteri che definisce in sintesi gli obiettivi del progetto. Possibile definirla come una “chiamata all’azione” che invita le persone a partecipare alla campagna sostenendola e diffondendola. Titolo, sottotitolo e immagine di copertina sono il biglietto da visita della campagna perché sono il primo elemento che compare quando la campagna stessa viene condivisa sui social network.

    • Perché ci vuole un’immagine di copertina della campagna?

      L’immagine della campagna deve avere dimensioni minime pari a 745 x 400 pixel – è fondamentale perché rappresenta la foto identificativa della campagna.

    • Il video di presentazione è obbligatorio?

      Il video è l’elemento più importante nella presentazione del progetto e anche se non è obbligatorio è l’elemento che viene visto per primo ed è molto efficace perché spiega i dettagli dell’iniziativa e può invogliare  i donatori a partecipare. Le campagne con un video efficace ricevono in media il 130% di donazioni in più.

    • Esiste una procedura per caricare il video di presentazione?

      Il video di presentazione deve essere caricato su YouTube o Vimeo, così da poter  inserire il relativo link durante la procedura di creazione della campagna. Nel caso in cui non sia possibile caricare il video su YouTube o Vimeo, è possibile contattare il nostro team alla mail progetti@innamoratidellacultura.it.

    • Come deve essere realizzato il video?

      Il video deve essere, preferibilmente in HD, così da essere fruibile su qualsiasi dispositivo. E’ importante prevedere una struttura che abbia una narrazione chiara, contenuti interessanti narrati in un racconto di 3 – 5 minuti in cui siano presenti

      1. Creatori della campagna

      2. La descrizione del progetto che si vuole realizzare

      3. Qual è il motivo della raccolta e il valore aggiunto che si viene a creare donando

      4. L’invito  esplicito a donare

      5. L’ elenco delle ricompense disponibili

      6. I termini temporali

      7. L’indirizzo web per effettuare la donazione.
    • A cosa serve la descrizione? Cosa posso elencare?

      La descrizione serve a illustrare in maniera esauriente e trasparente ogni aspetto della campagna e fornisce dettagli e approfondimenti sul progetto, descrive dettagliatamente i costi da sostenere e fornisce l’elenco  delle ricompense per gli utenti. Il campo che è destinato alla descrizione non ha limite di lunghezza, il testo viene formattato a seconda delle necessità e consente di inserire immagini, video, link e grafiche per rendere ricca e completa la propria presentazione.

    • Devo dare una descrizione del team di lavoro?

      I donatori e i visitatori vogliono avere un contatto con le persone che lavorano per la realizzazione del progetto. Presentarli facendone vedere i volti, raccontando le loro esperienze, le competenze serve per aumentare la fiducia in chi dona. Non esiste un limite alle persone che possono essere nominate nel Team.

    • Perché bisogna fissare un obiettivo economico? Questo obiettivo è fisso?

      L’obiettivo economico è la cifra che il Creatore indica come budget da raccogliere con la campagna di crowdfunding e che serve per realizzare il progetto. Se la campagna è del tipo “Tutto o niente”.

      Nelle campagna di tipo “Flessibile” la cifra raccolta, superato il 10% della cifra del budget, può essere raccolta a prescindere dal fatto che l’obiettivo sia stato raggiunto.

      In entrambi i casi se la cifra raccolta è maggiore di quella definita può essere raccolta perché non esiste un limite per le donazioni.

    • Le ricompense sono obbligatorie? Perché bisogna definirle?

      Il Creatore di progetto definisce in che modo vuole ricompensare le persone che hanno donato il loro denaro per sostenere la campagna. Le ricompense sono un incentivo molto forte perché spesso sono oggetti o servizi legati alla campagna e si calcola che circa l’80% delle persone dona perché attirata dalla ricompensa. E’ importante calcolare il costo delle ricompense e anche il prezzo della spedizione.

    • Come si fanno a creare delle ricompense?

      Non esiste uno standard per definire che tipo di ricompensa offrire ai propri donatori. Certamente le ricompense possono spaziare dall’invio di contenuti (immagini, video, screensaver, ecc.) ad oggetti come t-shirt, oggetti realizzati appositamente, merchandising, gadget legati alla campagna o all’evento, inviti a partecipare ad inaugurazioni, backstage, trasmissioni radiofoniche o televisive, lavoratori teatrali, cataloghi con firme degli autori e via dicendo. La ricompensa è consigliabile abbia un valore emotivo e coinvolga il donatore nel progetto.

       

    • Quante ricompense è possibile definire?

      Consigliamo di definire le ricompense sulla base di una scala di valori. I casi di maggior successo offrono almeno 8 ricompense, quattro sono rivolte sia ai piccoli contributi degli utenti (10, 20, 50, 100, 250 euro) e quattro sono dedicate ai donatori in grado di versare contributi più importanti (500, 1000, 2000 euro). All’interno di ogni ricompensa è necessario  specificare una data prevista  per consegna e la modalità di spedizione (email, posta, ritiro a mano) ed è necessario calcolare i costi di produzione e la spedizione.

       

    • Le ricompense sono illimitate?

      Quando il Creatore definisce il budget destinato alle ricompense ne deciderà anche il quantitativo. E’ un suo diritto indicare che sono infinite oppure limitate ad un certo numero di donatori e che verranno conferite sino ad esaurimento.

    • Bisogna inserire un elenco dei costi?

      La Shopping List è un elenco che riporta tutte le spese che sono necessarie per la realizzazione del progetto. La somma di tutte le voci  corrisponde all’obiettivo economico che si vuole raggiungere con la campagna di crowdfunding. Ci si possono inserire tutti i costi: materiali, oggetti da acquistare, prestazioni professionali, consulenze. Inserire una “shopping list” indica coerenza e conferisce trasparenza al progetto.

       

    • E' possibile completare la procedura di creazione di una campagna in più sessioni?

      Quando la campagna viene caricata sulla piattaforma essa  viene salvata in bozza nel profilo del suo Creatore. Cliccando il tasto “Edita progetti inviati” del suo profilo personale, il Creatore procede con la compilazione dei campi e questa procedura può farla anche in momenti diversi.

    To Top
  • Lancio e gestione della campagna.

    • È possibile lanciare più campagne su “Innamorati della Cultura”. E su più piattaforme?

      “Innamorati della Cultura”, accetta la pubblicazione di una sola campagna per volta. Non impedisce la pubblicazione su altre piattaforme ma lo sconsiglia vivamente. Seguire una campagna di crowdfunding richiede al Team un lavoro  intenso e impegnativo e il rischio che l’obiettivo non venga raggiunto è reale così come si potrebbe creare confusione negli utenti.

       

    • La campagna può essere chiusa prima della fine del periodo definito?

      In caso di necessità, motivando allo staff di “Innamorati della Cultura” che si riserva di decidere, la campagna può essere chiusa. Se ci sono state donazioni il Creatore è tenuto a spedire le ricompense al suo sostenitore e a sviluppare quella parte di progetto per cui hanno preso i fondi.

    • Esiste la possibilità di usare materiale protetto da copyright?

      La pubblicazione e i materiali pubblicati sono a totale discrezione del Creatore della campagna. Che se ne assume responsabilità anche in termini di rispetto dei copyright e del diritto d’autore.

    • Si può modificare la campagna una volta che è stata lanciata?

      La campagna può essere modificata in qualsiasi momento da uno dei Creatori escludendo il titolo della campagna stessa. Questo può essere fatto cliccando il tasto “Edita campagna”) presente sulla pagina della campagna. Le ricompensa possono  essere modificate ma  solo se nessun utente ha ancora effettuato una donazione.

    • Quali strumenti sono disponibili per lanciare la propria campagna?

      Il Creatore ha a sua disposizione un’area dedicata all’interno della sua campagna per pubblicare aggiornamenti, notizie sull’avanzamento del progetto, per tenere alto il livello di interazione e partecipazione dei suoi sostenitori. Oltre ai classici pulsanti di condivisione sui social network, Innamorati della Cultura mette inoltre a disposizione un widget interattivo con cui è possibile incorporare la campagna in qualsiasi pagina web.

       

    • Se la campagna fallisce o viene rifiutata si può riproporre?

      Se il Creatore ha corretto quegli aspetti della campagna che ne hanno causato il fallimento o il rifiuto e se non ci sono donazioni in sospeso, allora la campagna può essere riproposta.

    • Cosa è un widget?

      Il widget è un box interattivo che consente di incorporare – attraverso il copia e incolla di una sola riga di codice – una campagna di crowdfunding in qualsiasi sito o pagina web. Trattandosi di un box dinamico e non di un’immagine, i widget sono aggiornati in tempo reale e mostrano le informazioni di base sulla campagna, l’importo raccolto, il numero di finanziatori e i giorni che mancano alla conclusione della Campagna.

    • Come si attiva?

      Il widget si attiva automaticamente al lancio della campagna e può essere selezionato cliccando sul tasto “<>” sotto al video di presentazione di una campagna.

    • L’autore di una Campagna può interagire con i sostenitori?

      Sì, ed è altamente consigliato. Il successo di un progetto è legato alla sua capacità di essere coinvolgente, chiarire ogni possibile dubbio e soddisfare le esigenze collettive. È interesse degli autori mantenere sempre aggiornati i propri sostenitori, rispondendo alle loro domande e rendendosi disponibili per fornire chiarimenti e soddisfare ogni curiosità.

    • Innamorati della Cultura contribuisce alla promozione delle campagne in corso?

      Innamorati della Cultura crede molto nel valore e nelle potenzialità di ogni Campagna e investe per la sua riuscita già prima del lancio, offrendo consulenza gratuita e know-how per ottimizzare la campagna prima dell’approvazione.

      Il team di Innamorati della Cultura continua a fornire la propria consulenza e il supporto tecnico anche durante la raccolta, garantendo la massima diffusione attraverso la propria community, l’ufficio stampa e la promozione sui social media, e contattando il proprio network di stakeholder, investitori, produttori e aziende per creare sinergie e partnership con i progetti più interessanti.

    To Top
  • Dopo la conclusione

    • Cosa succede se si supera l'obiettivo ricevendo più di quanto richiesto?

      Quando una campagna supera l’obiettivo economico prima della conclusione, tutte le donazioni continuano ad essere raccolte senza alcun limite oltre il budget minimo. Al termine della campagna, l’autore è tenuto a spedire anche tutte le ulteriori ricompense richieste dai sostenitori ed è obbligato ad utilizzare i fondi esclusivamente per la realizzazione del progetto. Per questo motivo, è consigliato pianificare in anticipo come verranno utilizzati gli eventuali contributi aggiuntivi in modo da non doverli restituire.

    • Quali dati sui donatori vengono inviati all’autore della Campagna?

      Al termine della campagna, Innamorati della Cultura invia all’autore un resoconto dettagliato sulla raccolta fondi e sugli utenti che hanno contribuito con una donazione, indicando i dati personali di base (nome e cognome, e-mail) e le informazioni per la spedizione nel caso in cui abbiano scelto di ricevere un ricompensa.

    • È possibile cambiare la data di consegna di una ricompensa?

      La data di spedizione delle ricompense può essere modificata solo quando la campagna è in corso e nel caso in cui la ricompensa non sia stata ancora richiesta da nessun utente.

    • È possibile riproporre una Campagna che non ha avuto successo?

      Sì, nel caso in cui la nuova Campagna rispetti le linee guida della piattaforma e applichi i feedback e i consigli di Innamorati della Cultura per evitare gli stessi errori che ne hanno causato il fallimento. Se la Campagna fallita ha raccolto donazioni, l’autore deve aver inviato le ricompense o aver rimborsato tutti i contributi prima di poter proporre un nuovo progetto.

    To Top
  • Informazioni per il donatore

    • Chi può contribuire a una campagna di crowdfunding?

      Qualsiasi cittadino maggiorenne, ente pubblico e privato, azienda, fondazione e associazione.

       

    • Un utente minorenne può donare a una campagna di crowdfunding?

      No. Secondo la legge italiana, solo le persone maggiorenni possono effettuare donazioni e pertanto contribuire a una campagna di crowdfunding.

    • L’iscrizione a Innamorati della Cultura è obbligatoria per effettuare una donazione?

      Sì. Le leggi sull’antiriciclaggio rendono infatti obbligatorio registrare l’identità dei donatori e tracciare ogni pagamento alle campagne di crowdfunding.

       

    • Quali dati personali bisogna fornire per sostenere una campagna?

      Oltre alle informazioni inserite al momento della donazione(nome, cognome,  e-mail ), il donatore non è obbligato a fornire altri dati personali. Solo nel caso in cui scelga di ricevere una ricompensa per il suo contributo, dovrà inserire il proprio indirizzo per la spedizione.

       

    • Quali dati sui donatori vengono inviati all’autore della Campagna?

      Al termine della campagna, Innamorati della Cultura invia all’autore un resoconto dettagliato sulla raccolta fondi e sugli utenti che hanno contribuito con una donazione, indicando i dati personali di base (nome e cognome, città, E-Mail) e le informazioni per la spedizione nel caso in cui abbiano scelto di ricevere un ricompensa. Innamorati della Cultura non è responsabile per il trattamento dei dati personali che vengono inviati all’autore della campagna, che se ne assume ogni responsabilità sull’utilizzo e l’eventuale divulgazione.

       

    • È possibile fare una donazione anonima?

      Sì. Al momento della donazione, l’utente può scegliere se rendere visibile o meno il proprio contributo selezionando l’apposita casella sulla pagina della campagna. In questo modo, nell’elenco dei donatori sulla piattaforma verrà oscurata l’identità del donatore – che risulterà come Finanziatore anonimo – ma la sua identità e i suoi dati dovranno comunque essere forniti all’autore al termine della campagna.

    • Come funziona la procedura di donazione?

      Accedendo al dettaglio di un progetto, l’utente clicca sul tasto “Contribuisci Adesso” oppure su una singola ricompensa, presente nella campagna alla quale vuole effettuare una donazione. Il donatore inserisce seleziona l’importo del suo contributo, sceglie se renderlo visibile agli altri utenti che visitano la campagna, compila tutti i campi richiesti ed effettua il pagamento online tramite circuito sicuro. Il pagamento può avvenire tramite PayPal, con carta di credito, carta di debito, carta prepagata/PostePay e, prossimamente, anche bonifico bancario.

       

    • Quando viene prelevato l’importo di una donazione?

      Nelle campagne “Flessibile” le donazioni vengono addebitate immediatamente sul conto del donatore e trasferite all’autore della campagna. Nelle campagne “Tutto o niente”, invece, ogni donazione viene solamente pre-approvata, e dunque congelata sul conto del donatore fino al termine della campagna. Solo nel caso in cui la campagna raggiunga o superi l’obiettivo economico, avviene dunque la transazione che accredita la donazione sul conto dell’autore.

       

    • In quali modi è possibile versare il proprio contributo?

      Il contributo a una Campagna su Innamorati della Cultura può essere effettuato tramite PayPal, e, prossimamente, anche bonifico bancario online.

       

    • Come si fa a ricevere una conferma di avvenuto pagamento?

      Al termine di ogni procedura di pagamento, il donatore riceve un’e-mail da PayPal con all’interno una conferma e una ricevuta del suo pagamento.

    • È possibile annullare la propria donazione?

      Solo nel caso delle campagne “Tutto o niente”, i sostenitori possono annullare la donazione entro e non oltre la scadenza della campagna eliminando la donazione all’interno della sezione “Pagamenti preapprovati” del proprio account PayPal.

    • In che altro modo è possibile contribuire oltre alla donazione?

      Il successo di una campagna è legato al passaparola e alla possibilità che il progetto si diffonda in maniera virale sul web, sui media e nelle occasioni offline. Affinché questo avvenga, è importante che gli utenti contribuiscano non solo economicamente ma anche mettendo in moto un meccanismo virtuoso di condivisione e diffusione di notizie, aggiornamenti, video e immagini sul web e sui social network.

    • È possibile ricevere informazioni sull’autore di una campagna?

      Per lanciare una Campagna su Innamorati della Cultura gli autori devono rispettare innanzitutto il principio di trasparenza, illustrando in maniera chiara e dettagliata tutti gli aspetti del proprio progetto. Questi includono le informazioni sul team della campagna, in particolare le competenze e professionalità di ogni membro, che i sostenitori troveranno nella sezione “Sull’autore” all’interno di ciascuna Campagna.

    • Quando vengono spedite le ricompense?

      Quando ogni ricompensa viene creata o aggiunta all’interno della campagna, l’autore è tenuto a specificare anche una data stimata di consegna per ciascuna ricompensa. Al termine della campagna, dunque, l’autore è tenuto a rispettare l’impegno preso con i propri sostenitori e ad inviare le ricompense richieste agli indirizzi specificati durante il pagamento.

    To Top

Invia il tuo progetto culturale.

Se il tuo progetto non rientra tra gli ambiti che hai letto sopra, ma pensi sia di interesse culturale scrivi la tua idea e raccontacelo all’indirizzo email progetti@innamoratidellacultura.it

Sarà nostra premura rispondere nel più breve tempo possibile.

Lascia un commento