La danza e l’hip hop nel cuore

Danza

Condividi questa campagna

Aiuta a sensibilizzare la campagna per condividere questo widget. Basta inserire il seguente codice HTML in più posti sul web.

Codice di incorporamento

<iframe src="https://innamoratidellacultura.it/?ig_embed_widget=1&product_no=34" width="214" height="366" frameborder="0" scrolling="no" /></iframe>

Copertina

Buongiorno a tutti.
Mi chiamo Eva Arditi e sono una ragazza Italiana di 17 anni stregata dalla danza dalla più tenera età ma, in fondo, non avrebbe potuto essere diversamente: la mia mamma, Maria Grazia, è una ex ballerina, mia sorella Greta una ballerina professionista e mio papà Stefano un illusionista che gestisce una scuola di Danza.
Dopo aver studiato le basi attraverso la danza classica e quella contemporanea, sono approdata al genere HIP HOP per il quale ho avuto immediatamente una fortissima attrazione e anche una particolare predisposizione.
Così inizia la mia “carriera” in questo mondo, quello delle Urban Dance, che mi ha portato a fare una scelta piuttosto importante e impegnativa.
Trasferirmi in Nuova Zelanda dove opera la Crew più famosa al mondo, la Royal Family.

Eva solaSIn un primo viaggio di alcune settimane, ho sperimentato il lavoro intenso e mirato che svolgono in questa specialissima scuola di danza e, dopo aver partecipato all’audizione indetta dalla compagnia, sono stata presa e chiamata a far parte di questo prestigioso gruppo.
Tutto questo (si tratta di trasferirsi in NZ per circa un anno) non era nei miei piani e tantomeno in quelli della mia famiglia che si trova quindi davanti ad un bivio.
Assecondare la fantastica CHANCE che si propone ad una giovanissima ragazza, sottoponendosi a uno sforzo economico importante e sicuramente non preventivato o spegnere il sogno di una persona che ha fatto del sacrificio e dell’abnegazione alla danza la sua religione!
La famiglia ha optato per la prima ipotesi e in periodi di gran parlare di cervelli in fuga, mi ha aiutato a realizzare uno dei primi casi di “Corpi” in fuga.
Ho quindi deciso di dedicare questo anno di vita alla Danza Hip Hop, tralasciando per il momento la scuola (per la quale sosterrò gli esami integrativi al termine dell’impegno in NZ) e le altre arti in cui mi cimento, cioè l’illusionismo e la ripresa cinematografica (questo è il corso di studi che sto completando in Italia.)

Perché una campagna di finanziamento collettivo?1291209_654669231219609_1457310651_n

Sembra ovvio, ma non lo è.
Certamente perché la mia famiglia da sola ha paura di non riuscire a sostenere tutte le spese necessarie ma anche perché, avere dei fondi di sostenitori che credono nei sogni individuali, aiuta a pensare che esista una connessione tra le persone che cercano di fare ed il resto della comunità.

Perché non ci si senta soli in un’avventura che risulta essere faticosa e piena di ostilità.
Per cercare la sensazione di non essere un emigrante, ma una ballerina in “missione”.
Non so se sono riuscita a spiegarmi…

Se finanzio la “missione” di Eva cosa avrò in cambio.
Vorrei poter dire che ballerò per tutti voi, ma credo che ricompensarvi con “adeguata” arte sia la cosa migliore.
Nel mese di Giugno mio Papà (Stefano Arditi) farà uno spettacolo di cabaret e illusionismo a Roma, dove i biglietti delle file nobili saranno riservati ai sostenitori della campagna.
Altrettanto saranno inviati, a chi vorrà aiutarci, uno o più giochi di prestigio “ORIGINALI” (inventati e realizzati personalmente da Stefano.)
Per chi vorrà sostenermi in maniera importante, ci sono due SUPERPREMI!
Una cena specialissima, romantica e buonissima a base di cucina Romana Fusion, nel giardino di casa mia, cucinata da due Chef d'eccezione. Mia mamma e mio papà.
Tutte cose ricercate e biologiche!

DSCN4192
Un Weekend a Roma con pernottamento nella casa vacanza MagicHouse, una visita "accompagnata" nella Roma più affascinante e sconosciuta ed una cena come descritto sopra.
Come utilizzeremo i fondi.
I costi da sostenere sono: L’affitto, gli spostamenti urbani e il costo delle lezioni di danza (in parte a pagamento)
I viaggi da e per l’Italia + le spese che dovrò sostenere per partecipare ai campionati del mondo di HIP HOP.
Il costo di tutto questo è di circa 14.000 euro, considerati i costi altissimi degli spostamenti aerei.
Il nostro obiettivo (o obbiettivo che dir si voglia) è riuscire a coprire, con la raccolta fondi, 9000 euro.
Se riusciremo ad arrivare a cifre maggiori, la mia famiglia utilizzerà l’eccedenza per venire a vedermi in Nuova Zelanda quando sarò in scena per le qualificazioni ai campionati del mondo.
famiglia

Aggiornamenti

Lascia un commento

Project Faq