COMPRO ORO – TORNA A TORINO LO SPIRITO DELLO SWING.

“Aveva pochi riccioli, Jean-Luc Ponty ma idee da vendere, e l’inconsueto strumento scelto non gli creò alcuna difficoltà, tanto da essere soprannominato il Coltrane del violino.[…]Poi ci furono momenti indimenticabili. Arrivò da Amsterdam Don Byas con il suo cappottone di pelo e una bottiglia di vodka comprata al Duty Free di Caselle, e già pressoché vuota. Erano di casa anche gli italiani, allo Swing e non si può non rammentare la cucina alla quale l’onnipresente Nini dedicava non poca attenzione.”Così G. Roncaglia descrive gli anni ruggenti e la frizzante inventiva dei protagonisti di quell’epoca. Con un balzo che va dal passato al presente delle nuove generazioni,“COMPRO ORO” riporta in vita lo Swing Club, la sua storia, il grande amore di Torino per il jazz.

  • 128% Finanziati
  • €3.202,50 Finanziati
  • 0 Ore Rimaste

ANTHOLOGY 1985-2015 IMPRESSIONI DI MOVIMENTO

Gli eventi della vita sono stati d’essere solidificati, resi visibili dal tempo. Mentre vi assisti e ne sei coinvolto puoi credere che si stiano verificando sotto i tuoi occhi, hai l’illusione che siano nuovi di zecca e che stiano accadendo per la prima volta; in realtà essi sono la proiezione del tuo passato che ripete se stesso, con appena qualche leggera variante che io chiamo infinito… La forma intesa come tempo modificato o modificabile determina condizioni interpretabili, conducendo a storie il tempo unico narratore assoluto dà e prende forma, dove lo spazio assiste ed assorbe volumi e forze, in un unico movimento. Allora tutto diventa mutante, un fluido che viaggia nella mente.

  • 0% Finanziati
  • €70,00 Finanziati
  • 0 Ore Rimaste

SALENTIA. D’AMORI E DI VIAGGIO

Salentìa è un concerto a più voci che vede la collaborazione tra Associazioni locali, privati e realtà artistiche
del Salento. Lo spettacolo è organizzato dall’Associazione Culturale Vampa de Lumèra con la collaborazione
dell’Associazione Musicale Insonora e di Anna Dimitri e Roberto Gemma. Da questi frequenti incontri e “viaggi” tra nord e sud nasce l’idea di un momento comunitario quale è Salentìa , dove confluiscono le esperienze maturate nel corso di questi anni.
Lo spettacolo vedrà la partecipazione di circa 50 persone che si alterneranno e uniranno sul palco,
a formare sintonie e melodie dirette e guidate dalla geniale regìa di Anna e Roberto. Siamo tanti e vogliamo raggiungere tutti voi per raccogliere i fondi che servono a sostenere la nostra avventura: grazie!

  • 0% Finanziati
  • €0,00 Finanziati
  • 0 Ore Rimaste

Il PICCOLO MARATONETA

La storia di un bambino etiope, Tahrir, che sogna di poter correre e vincere alla Turin Marathon.
Alcune volte basta credere ai sogni e i sogni si avverano! Parte del ricavato oltre l’obiettivo preventivato e dalla vendita dei libri sarà devoluto ai bambini ricoverati all’ospedale Regina Margherita (Ass. TO.b).

  • 0% Finanziati
  • €0,00 Finanziati
  • 0 Ore Rimaste

GIPO, LO ZINGARO DI BARRIERA

“C’è chi il viaggio lo paga per intero, chi lo paga a tariffa ridotta, chi non lo paga affatto e chi lo paga anche per gli altri”. Così scriveva Gipo Farassino nel suo libro “Viaggiatori paganti” a proposito della vita. Lui l’ultimo biglietto l’ha pagato l’11 dicembre 2013 quando se ne è andato, vinto dalla malattia contro cui lottava da un anno. Ma questo è solo l’ultimo atto, della lunga, densa storia che vogliamo raccontare. Quella di uno chansonnier, un autore, un attore, un marito, un padre, un viaggiatore, uno zingaro di “Barriera”. Un grande, della nostra cultura (non solo torinese o piemontese), al fianco di Cesare Pavese, Giovanni Arpino e Fred Buscaglione.

  • 106% Finanziati
  • €13.820,00 Finanziati
  • 0 Ore Rimaste

Il MISTERO DI ANNE DI ALENCON. I LUOGHI DELLA MARCHESA DEL MONFERRATO.

Aiutaci a restituire fama e onori alla Marchesa del Monferrato! Anne d’Alençon, discendente per via paterna di Filippo III il Bello, fu consorte del Marchese Guglielmo IX Paleologo, alla sua morte reggente del marchesato in nome del figlio Bonifacio, infine governatrice e rappresentante diretta del Duca di Mantova e della figlia Margherita. Si distinse sia per doti politiche che per particolari attenzioni caritatevoli. Si spense a Casale il 9 ottobre 1562 e per sua espressa volontà fu sepolta nella chiesa del convento domenicano di Santa Caterina, ma in seguito alle trasformazioni avvenute nel corso dei secoli se ne sono perse le tracce. Vogliamo ritrovarla! Con il tuo aiuto.

  • 116% Finanziati
  • €10.426,00 Finanziati
  • 0 Ore Rimaste